Cerca

In tutto il mondo, la gente da il suo benvenuto al nuovo anno perché il Capodanno è una delle feste più antiche. La maggior parte dei festeggiamenti si concentra sulla famiglia e sugli amici. È un momento per riflettere sul passato e immaginare un nuovo futuro in un mondo dove, forse, le persone potrebbero finalmente vivere insieme in armonia. Ogni paese ha le sue usanze e i suoi modi di celebrare ma che si tratti di India, Francia, America o Russia il livello di entusiasmo e di speranza per il nuovo anno non cambiano. Non sarebbe divertente viaggiare in tutto il mondo e festeggiare il nuovo anno tutto l’anno?

Usanze e costumi nazionali

Capodanno è una festa che si celebra in tutto il mondo con fervore e passione. È questo il momento per far festa, lasciarsi andare a peccati di gola e pasti calorici e vestire le migliori marche. Ci sono anche alcuni modi tradizionali per celebrare l’evento. A Trafalgar Square a Londra e a Times Square a New York City folle numerose di persone felici invadono rumorosamente le strade per esprimere il proprio umore positivo legato al momento di festa. In Indonesia ci sono addirittura due feste di Capodanno: quella ufficiale il 1 ° gennaio e quella del nuovo anno islamico, la cui data varia di anno in anno. La Chiesa Ortodossa Russa osserva il nuovo anno secondo il calendario giuliano il 14 gennaio e i coreani festeggiano il loro nuovo anno i primi tre giorni di gennaio.

Una sola festa, tanti calendari

Per buona parte dei paesi del mondo il nuovo anno si festeggia il primo giorno di gennaio ma non tutti i festeggiamenti di Capodanno si svolgono nello stesso giorno o nello stesso modo! Ognuno segue la propria cultura per salutare l’anno in corso e accogliere l’anno che arriva. A volte questo accade perché la gente in diverse parti del mondo utilizza diversi calendari. Cina e Israele, ad esempio, fanno riferimento ad un calendario lunare. Esso si basa sul movimento della luna intorno alla Terra. Altri paesi celebrano in primavera e quando nuove colture iniziano a crescere o in autunno quando si miete il raccolto.